Sony Xperia P, lo smartphone sobrio.

Quale migliore argomento, in questo periodo, se non una bella recensione su uno Smartphone? Ricorderete gli appuntamenti con i device low cost, che hanno costellato lo scorso inverno. Bene, perché oggi voglio inaugurare un altro filone di recensioni, andandoci ad informare su gadget tecnologici di fascia media, quella che più viene adocchiata nei nuovi acquisti, non volendo spendere un capitale.

Per chi pensa di non aver bisogno di iPhone, Galaxy, One ed Optimus, ma non vuole comunque abbandonare la qualità, ecco il Sony Xperia P.

La confezione si presenta ricca: auricolari stereo, alimentatore a carica rapida, cavo microUSB, cavo HDMI e Smart Tags. Avremmo bisogno di altro?

Smartphone sicuramente ben costruito, tenendolo in mano da una percezione di solidità indiscutibile. Questo è possibile grazie alla cover in metallo non removibile, che però impedisce il cambio autonomo della batteria.

Con un hardware di tutto rispetto, Xperia P è una via di mezzo fra i fratelli U e S. Il processore è un dual core da 1 GHz, supportato da 1 GB di RAM e 16 GB di memoria interna, purtroppo non espandibile. Rispetto al modello più piccolo troviamo però il supporto a NFC, l’uscita HDMI ed una fotocamera da ben 8 megapixel, che registra video a 1080p. Ben curato il reparto multimediale, con un ottimo lettore audio. Batteria che stenta a garantire la durata giornaliera, con 1305 mah.

Xperia P, l’unico della serie a godere di un display con tecnologia White Magic, assicura una visibilità superiore sotto la luce diretta del sole. Infine, una risoluzione di 540 x 960 pixel garantisce un’ottima densità sullo schermo da 4 pollici.

Con un sistema operativo Android 2.3 Gingerbread, personalizzato dalla Sony in modo molto blando,  il software è il fronte su cui Xperia P deve ancora lavorare. Nessun difetto in particolare, ma la Sony nasconde la versione originale di Android senza aggiungere nessuna funzione specifica. Nulla di eccezionale neppure sul fronte browser, con un Gingerbread che soffre di una scarsa ottimizzazione.

Il prezzo? 399€, sono un po’ tanti per la fascia di riferimento, ma le caratteristiche tecniche lo giustificano.

In conclusione: il Sony Xperia P è indubbiamente uno degli smartphone migliori in commercio, sicuramente l’aggiornamento ad Ice Cream Sandwich (previsto in autunno) migliorerà ancora di più il device. Peccato però per il prezzo più alto della media Sony e per il software ‘incompleto’.

 

Punti di forza

Ottima fotocamera e videocamera.

Display touch fluido con tecnologia White Magic.

Comparto audio notevole.

 

Punti di debolezza

Prezzo superiore ai competitors.

Memoria non espandibile.

Batteria non all’altezza delle altre caratteristiche hardware.

Advertisements

2 thoughts on “Sony Xperia P, lo smartphone sobrio.

  1. edoardo ha detto:

    bel servizio da provare, complimenti per il blog 😉 Continuo a seguirvi, aspetto con ansia nuovi aggiornamenti!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...