Tributo allo Sciamano del Rock

Ci siamo dunque, anche questo sabato è arrivato per attirarci, con note stridenti di chitarra, all’ombra del Faro. Il terzo appuntamento della nuova stagione della Rock Revolution è alle porte.

Questa settimana, i ragazzi della Blow Rock ci presentano i Gipsy Eyes, band tributo ad uno dei massimi esponenti della storia del Rock: Jimi Hendrix. Vengono da Torino e sono una delle maggiori tribute band all’aggressivo ed irriverente maestro! Non tutti possono improvvisare uno spettacolo al mitico Jimi ed è per questo che a rappresentare tale opera c’è la bravura di tre musicisti di altissimo livello.

I Gypsy Eyes si formano nel 1990, uniti dalla comune passione per la musica di Jimi Hendrix, e da allora hanno tenuto innumerevoli concerti in tutta Italia, con un seguito crescente di pubblico e media. Guida della band è la chitarra magica di Matteo Salvadori, noto sulla scena nazionale per aver suonato con grandi artisti (Mao e la Rivoluzione , Daniele Silvestri, 883, Danny Peyronel, Heavy Metal Kids), aderendo alla musica e alla filosofia del grande Jimi al punto di trasformarsi, lui destro, in chitarrista mancino.

Un lavoro certosino e appassionato, che rende il sound del trio, completato dal batterista Mattia Barbieri (esperienze con Ken Scharf, Bob Malone, Paul Jeffrey, e tanti altri artisti internazionali e nazionali) e dal bassista Max Laredo (ha suonato con Francesco Baccini, Vinicio Capossela, Carl Lee, The Difference), ancora più fedele al modello. Rimarcando molto le sonorità della famosa “Band of Gypsys” del grande Hendrix, presentano un mix esplosivo di Blues, Rock e Jazz. La miscela del chitarrista di Seattle è un pozzo senza fondo da cui attingere ispirazione ed energia inesauribile per qualunque musicista, ed è per questo che, dopo tanti anni sul palco, i Gypsy proprio non riescono a smettere, cercando di far apprezzare il messaggio musicale dello sciamano nero.

Il concerto, come un rito, riporta un po’ di quel Woodstock di altri tempi: il prodigio nero come chiave di lettura del rock! Live carichi di adrenalina e tecnica sopraffina, nei quali troviamo sia composizioni di Hendrix (“Voodoo Child”, “Little Wing” e chicche meno note, ma non per questo meno disarmanti, come “3rd Stone From The Sun”), sia cover di altri artisti che sono stati ispirazione e parte del repertorio del maestro delle sei corde (“All Along The Watchtower” di Bob Dylan, “Sgt. Pepper” dei Beatles, “Johnny B Goode” di Chuck Berry, classici blues come “Hootchie Kootchie Man”).

Insomma, qualità e quantità musicale per tutti i gusti!

Stay tuned…Stay Rock!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...